Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi         (Marcel Proust)

MODELLO TEORICO

Durante gli anni della mia formazione universitaria, la teoria Psicoanalitica mi ha affascinato per la sua capacità di andare in profondità e la possibilità data alla persona di guardarsi, ri-conoscersi e cambiare. 

Spesso si guarda alla Psicoanalisi pensando alla classica psicoanalisi di Freud, sdraiati sul lettino, molte sedute settimanali...ma non è solo questo. La mia formazione come psicoterapeuta è avvenuta all'interno della Società di Psicoanalisi della Relazione (SIPRe) di Milano, il cui modello teorico di riferimento si propone di rileggere la teoria freudiana e i suoi sviluppi successivi alla luce dei presupposti epistemici attuali, rifacendosi in particolare al pensiero di S. Mitchell e alla Relational Track, e all'Infant Research. 


PSICOANALISI della RELAZIONE

Teoria

Il modello teorico relazionale propone di vedere l'individuo (Io-Soggetto) come un sistema dinamico, non lineare, in continua relazione o meglio in interazione con l'ambiente circostante e in meta-interazione con se stesso. l'Io soggetto, nel suo continuo interagire con il mondo, cerca di trovare e mantenere una sua coerenza. Nel momento in cui l'Io-Soggetto si irrigidisce nella sua coerenza, ecco che affiora la crisi, la sofferenza, la patologia. La sofferenza quindi è considerata come un'opportunità e l'espressione della necessità di una nuova coerenza, del cambiamento e della ricerca di un nuovo equilibrio.  

Tecnica

Date le premesse teoriche, ecco perchè in terapia l'oggetto di osservazione non può che essere la relazione paziente-terapeuta. La relazione è quindi il luogo dove si manifesta la propria organizzazione interna, la propria coerenza, e dove l'ambiente (la soggettività dell'altro) opera.  Ed è all'interno dell'inevitabile relazione con il terapeuta, che è possibile lavorare con l'obiettivo di facilitare e aumentare la capacità di tener conto del proprio mondo interno ed esterno, e della presenza a sé stessi. Questi elementi, insieme, aiuteranno il soggetto a ri-trovare una propria coerenza.